Ardico Magnini

ESCLUSIVA LABAROVIOLA – Magnini: ” La Fiorentina del 56′ aveva pochi segreti ma…”

Posted on Updated on

1232743_10200297583877152_1883669618_n

Oggi LabaroViola.it intervista in esclusiva uno degli eroi dello scudetto del 56, Ardico Magnini, terzino destro di quella squadra che ci racconta alcuni aneddoti della sua carriera e di quella formidabile cavalcata tricolore
-Ardico , ci puoi raccontare come è stata la tua infanzia ?
“Mi spiace non poter rispondere a questa domanda , è un periodo molto difficile della mia vita che preferisco non rammentare ,c’era la guerra…”
Raccontaci allora come è iniziata la tua carriera , dove hai iniziato a giocare a pallone ?
“Giocavo con gli amici per la strada , ci ritrovavamo in Piazza d’Armi.”
(Piazza della Resistenza a Pistoia , così la chiama Ardico la sua piazza dove nasce e dove trascorre molto del suo tempo libero .E’li che lo vede giocare un dirigente ndr)
Quindi giochi alcuni anni nel campo Mesiano e poi nella Pistoiese ? In difesa ?
“No , ero una mezzala , anche bravino a fare goal , un anno sono stato anche capocannoniere.”
Il tuo nome e’ particolare..

“Mio padre amava un nome Ardic …ma in quei tempi c’era il fascismo e fu registrato Ardico”

Che mestiere faceva tuo padre ?
“Il ciabattino e all’inizio si arrabbiava molto perchè tornavo sempre da giocare con le scarpe rotte!”
Meno male che faceva il ciabattino se no forse la tua carriera sarebbe finita li…
Perchè, pur essendo tifosissimo del Bologna hai scelto Firenze quando ebbi la richiesta sia dal Bologna che dalla Fiorentina?
“Mi veniva detto,che se fossi andato a Bologna ci sarei rimasto tutta la vita…ed allora scelsi Firenze anche per la vicinanza,e poi calcisticamente erano tutte e due delle buone squadre.
Era l’anno 1950 , venni a Firenze in compagnia della mia fidanzata ,Anna , che e’ la mia moglie attuale. Siamo insieme da 60 anni”
Chi ha capito ,allora, che avevi qualità da esprimere in difesa? Bernardini?
“No e’ stato Ferrero appena sono arrivato alla Fiorentina vide nel mio fisico possente ed agile allo stesso tempo una risorsa della difesa”
Che calcio era il vostro?
“Era semplice,non c’erano tutte le tattiche di oggi eravamo disposti in campo con il “doppio v”(W)
marcavamo ad uomo e passavamo quasi sempre la palla al solito compagno .contava molto l’affiatamento tra noi , e tra noi si era creata una solida amicizia in campo e fuori.”
Con chi legasti di più ?
“Con Cervato , un grande in campo ma anche nel privato . Una persona solida integerrima.
Pensa che quando in ritiro scherzavamo un po’ con le cameriere , lui quasi si arrabbiava..”
Della famosa finale del 56 e del famoso calcio di rigore che ci dici ?
“Che il fallo al giocatore avversario sicuramente lo fatto…ma sicuramente fuori area, Ne sono sicuro…C’era 1 metro”
L’arbitro Horne non vide bene…
“Diciamo di si…dopo la partita alla consegna dei premi venne da me che ero il giocatore che
conosceva meglio di noi e mi dono’ il famoso cucchiaio che era stato dato a lui”
908866_10200297561076582_210944891_n
Si sentiva in debito nei tuoi confronti…
“sicuramente si…”

1388106_10200297581157084_1575545284_n

Ringraziamo il mitico Ardico Magnini, un eroe non solo nel calcio,E sottolineo ciò,
da molti dimenticato ma non da noi di Labaroviola che cerchiamo di unire la storia viola, Con il presente.

Alessandro Marcellino – Gabriele Caldieron

Advertisements